Spread the love

Granforcora Bike 2024: un futuro luminoso

Dopo il bilancio positivo per la prima edizione della Granforcora Bike, che l’11 giugno ha visto l’esordio della grande mountainbike sul Lago Maggiore, con partenza e arrivo nel Comune di Maccagno con Pino e Veddasca (VA), il 2024 si prospetta luminoso

È ormai in archivio, con un buon successo, la prima edizione della Granforcora Bike, gara organizzata dall’MTB S.Martino di Valcuvia A.S.D. con la collaborazione con il Comune di Maccagno con Pino e Veddasca. Sono stati circa 200 i partecipanti per la gara che era valida come 3a tappa della Coppa Lombardia Mtb e che ha saputo richiamare, oltre ai bikers della provincia di Varese, copiose rappresenzanze da quelle di Bergamo, Como, Sondrio e Milano, oltre ad atleti dalla vicina Svizzera e una nutrita pattuglia di team e atleti piemontesi. Un buon risultato per una prima edizione che è stata anche un test per il 2024, dove si alzerà l’asticella. Già sotto studio la modifica del percorso, per renderlo ancora più divertente.

Apprezzata da tutti, oltre al percorso altamente panoramico, la logistica di altissimo livello. Maccagno offre un campo sportivo con docce, strutture per uffici di segreteria e servizi, locale al coperto iscrizioni, pasta party e premiazioni, un teatro, due campeggi, lido con spiaggia, palestra di roccia, attracco battelli per gite sul lago, stazione ferroviaria, alberghi, case in affitto, bar, ristoranti e pizzerie, in definitiva potrete trovare tutto quello che serve per trascorrere un weekend eccellente con le vostre famiglie.

I primi nomi che sono andati sull’albo d’oro sono quelli di Cristian Cominelli (Cycling Cafe’ Rosti Racing Team), già campione mondiale team relay cross country 2009 in Australia a Canberra, nel quartetto con Marco Aurelio Fontana, Gerhard Kerschbaumer ed Eva Lechner, più volte campione italiano ciclocross, mentre tra le donne si è imposta l’Elite piemontese Yara Monte (Racing Team Rive Rosse), che hanno posto il loro sigillo sulla bella gara lacustre.

La manifestazione ha portato a percorrere sentieri incantevoli, salendo dalle sponde lombarde del Lago Maggiore, a ridosso del confine con la Svizzera. Con partenza e arrivo da Maccagno, la gara è transitata anche sui territori dei comuni di Tronzano Lago Maggiore, Curiglia, Dumenza e Agra.

Il tracciato prevedeva anche passaggi spettacolari, come l’attraversamento della diga ENEL del Lago Delio, lo spettacolare anello del Monte Cadrigna, che si erge fino a quota 1.304 metri s.l.m., Monti di Pino, Nove Fontane, il Passo Forcora, dal quale prende nome la gara, Monterecchio, Lozzo, Ponte di Piero, Curiglia, Alpe Roccolo, Dumenza e Agra, nel territorio di gestione della Comunità Montana Valli del Verbano. La parte finale della gara riportava a Maccagno, sulla sponda del lago, per il caratteristico e suggestivo arrivo in piazza Roma. Un percorso di 43 km per 1.750 mt di dislivello positivo, in un contesto panoramico e naturalistico davvero suggestivo.

TRACCIATO GPS

Alcuni passaggi del percorso devono essere ancora definiti, come i due passaggi al passo Forcora se farli in senso orario o antiorario e la parte finale a 5 km dall’arrivo c’è un breve tratto di salita da sistemare con pala meccanica. Abbiamo già iniziato a pulire sentieri, zona lago Delio e discesa di Lozzo e altri ancora da fare ma percorribili. Al Lago Delio dovremmo passare sulla diga, ma solo per la gara. Adesso la traccia è sulla strada opposta al sentiero di gara, ma la distanza non cambia. La partenza dal lago è su una strada a senso unico. Attenzione a percorrerla contromano.

Ultime notizie

{"cpt":"blog","style":"3","columns":"3","show":3,"order":"DESC","orderby":"DESC"}

Gran Forcora Bike